Giornata Terra

Healthy Corner – La nostra terra, il nostro futuro

La giornata mondiale dell’ambiente (World Environment Day o WED) è una festività proclamata nel 1972 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in occasione dell’istituzione del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e viene celebrata ogni anno il 5 giugno a partire dal 1974 con lo slogan Only One Earth (una sola Terra).

«Tutte le persone, a prescindere dall’etnia, dal sesso, dal proprio reddito o provenienza geografica, hanno il diritto ad un ambiente sano, equilibrato e sostenibile»; ispirandosi a questo motto, nel corso degli anni la partecipazione internazionale alla giornata mondiale dell’ambiente è cresciuta.

L’obiettivo principale è quello di promuovere l’azione globale per la protezione dell’ambiente, stimolando la consapevolezza e incoraggiando individui, comunità, imprese e governi a prendere parte attiva nel preservare e ripristinare l’equilibrio naturale del nostro pianeta.

La nostra terra, il nostro futuro

Il tema scelto per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2024, si concentra sul ripristino del territorio, sulla desertificazione e sulla resilienza alla siccità con lo slogan: La nostra terra. Il nostro futuro. Siamo #GenerationRestoration.

Come riportato da ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), secondo la Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione, fino al 40% del territorio del pianeta è degradato, colpendo direttamente metà della popolazione mondiale e minacciando circa la metà del PIL globale.

Il numero e la durata dei periodi di siccità sono aumentati del 29% dal 2000: senza un’azione urgente, entro il 2050 la siccità potrebbe colpire oltre tre quarti della popolazione mondiale. Il ripristino del territorio è un pilastro fondamentale del Decennio delle Nazioni Unite per il ripristino degli ecosistemi (2021-2030), un appello per la protezione e il rilancio degli ecosistemi in tutto il mondo, fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il progetto dei presidi Slow Food

Il progetto nasce nel 2000. Già a metà degli anni Novanta, Slow Food comprende l’urgenza di salvare la biodiversità alimentare, mappando i prodotti che rischiano l’estinzione, e crea un catalogo virtuale, l’Arca del Gusto, che ancora esiste e continua ad arricchirsi e aggiornarsi.

Con il progetto dei Presidi si passa dal lavoro di catalogazione all’azione concreta sui territori, con il coinvolgimento dei produttori. I Presidi traducono la filosofia Slow Food in pratica quotidiana: seguono i principi dell’agroecologia, rispettano il suolo, l’acqua, il benessere animale, la biodiversità (da quella invisibile, della microflora, a quella culturale, dei saperi e delle tecniche), preservano i paesaggi agricoli tradizionali, riducono al minimo l’impatto ambientale delle loro produzioni, evitano l’uso di pesticidi, antibiotici, conservanti, additivi, coloranti, affiancano ai prodotti etichette dettagliate, che raccontano ogni fase della produzione.

Sono esempi virtuosi di economia locale, riconosciuti a livello internazionale dalle istituzioni, dal mondo accademico, dai media e dai consumatori. Per questo Vicook ne promuove la conoscenza e l’utilizzo, promuovendo giornate a tema con i clienti interessati, trattandosi di prodotti che rispettano l’ambiente e in linea con i nostri obiettivi di sostenibilità.