Oliveloel Flows Over A Spoon

Healthy corner – La dieta mediterranea, una filosofia in cinque step

Nell’antica medicina greca, con il termine dieta si intendeva il complesso delle pratiche e norme di vita (alimentazione, attività fisica, riposo, interazioni sociali) attraverso cui mantenere uno stato autentico di salute socio-psico-fisica. È questo il significato che Vicook fa proprio e che ci accompagna oggi, in questo elogio consapevole della dieta mediterranea.

Una dieta patrimonio UNESCO. Dal 2010, la dieta mediterranea è riconosciuta come patrimonio immateriale e transnazionale dell’umanità dall’UNESCO, per queste ragioni: «La dieta mediterranea comporta un insieme di abilità, conoscenze, rituali, simboli e tradizioni riguardanti la coltivazione, la raccolta, la pesca, la zootecnia, la conservazione, la lavorazione, la cottura e in particolare la condivisione e il consumo di cibo. Mangiare insieme è il fondamento dell’identità culturale e della continuità delle comunità in tutto il bacino del Mediterraneo. È un momento di scambio e comunicazione sociale, un’affermazione e un rinnovamento dell’identità familiare, di gruppo o di comunità. La dieta mediterranea enfatizza i valori dell’ospitalità, della vicinanza, del dialogo interculturale e della creatività, e uno stile di vita guidato dal rispetto per la diversità».

 

 

Una vera e propria cultura. Il modello della dieta mediterranea, insomma, non è solo un modo di nutrirsi, ma incarna un sistema culturale complesso, legato alla salute, alla qualità degli alimenti, alla loro territorialità e a una tradizione millenaria che si tramanda di generazione in generazione. Nonostante i profondi cambiamenti degli stili di vita e la frenesia che caratterizzano il vivere dei nostri giorni, la dieta mediterranea continua a essere un punto di riferimento in tutto il mondo!

Frugalità e bontà. Se studiamo nel dettaglio l’alimentazione mediterranea, vediamo come la maggior parte delle ricette tipiche non preveda lunghe elaborazioni né lunghe cotture e come i condimenti siano ridotti all’essenziale; gli ingredienti sono naturali, soprattutto prodotti freschi o comunque conservati “secondo natura”. E il principio cardine è la frugalità: si tratta di una cucina semplice, ma equilibrata, in grado di fornire tutti i principi nutritivi di base.

E questo perché storicamente, quando la parsimonia era una necessità, il pasto era basato:

  • quasi totalmente sugli alimenti che venivano coltivati (la frutta, la verdura, i cereali e i legumi) e prodotti (l’olio, il vino) localmente,
  • sul pesce che si poteva pescare lungo le coste del Mediterraneo,
  • sulla (poca) carne e i prodotti caseari derivanti dalla pastorizia e dall’allevamento locale,
  • sull’uso delle erbe aromatiche e spontanee quali insaporitori.

 

 

Seguire la dieta mediterranea: alcuni step. Come far nostre dunque la genuinità e la semplicità dello stile di vita mediterraneo? Vi lasciamo qualche dritta.

  • Riprendete l’abitudine di comprare frutta e verdura e in generale cibi freschi nei mercati locali all’aria aperta, re-imparando il valore della stagionalità Della stagionalità abbiamo parlato già qui.
  • Riscoprite il bello di acquistare direttamente dal produttore: favorite le scelte di prossimità evitando cibi che hanno fatto troppi chilometri!
  • Siate creativi e curiosi in cucina: andate a caccia delle ricette storiche e delle loro origini e sperimentatele nella vostra personale versione: scoprirete una tradizione fatta di tantissimi ingredienti diversi e sperimentazioni incrociate.
  • Dedicate alla preparazione e al consumo del cibo un tempo lento, importante per la salute, per il piacere dei sensi e per la condivisione.
  • Procuratevi ciò che è disponibile localmente e reinterpretatelo, cucinatelo, mangiatelo “alla mediterranea”, condito semplicemente con erbe aromatiche, olio extravergine di oliva, brunoise di pomodoro fresco o succo di limone.

Portate dunque la mediterraneità nelle vostre vite e – ci contiamo – mandateci le vostre idee e i vostri feedback. Ci vediamo tra due settimane!