WhatsApp Image 2024 02 06 At 13.48.20 (2)

People of Vicook – Eusebio Cuevas, il pizzaiolo

Eusebio Cuevas nasce a Santo Domingo 45 anni fa, e arriva in Italia quando ha 30 anni. Quando arriva qui, lavora in cucina come già faceva. Ma qui incontra la pizza: è amore a prima vista. Eusebio inizia a mettere mano a farine, a impastare, a impallinare, a creare. Racconta: «C’erano questi ragazzi gentili, al ristorante, che mi hanno insegnato e mostrato tante cose: e io ho imparato. Mi sono dimenticato della cucina e mi sono dedicato soltanto a questo, alla pizza».

Eusebio arriva in Vicook a dicembre 2015, e per Vicook lavora, negli anni, in tre diverse strutture, tra Monza e Milano, seguendo il suo chef-direttore di riferimento, Alessandro Mauri, con il quale ha una strettissima e super-positiva intesa professionale, e di cui decanta l’umiltà e l’operosità.

L’ultima tappa di Eusebio, quella in cui lo troviamo ora, è – da sette anni – in via Mecenate, a Milano: Eusebio è un’istituzione in uno dei ristoranti aziendali di punta di Vicook, dove è stato creato un amatissimo pizza corner.

Eusebio è pizzaiolo fisso, ma – dice – «naturalmente non mi tiro mai indietro, quando si tratta di lavoro; nei ristoranti aziendali bisogna saper fare tutto, dalla pulizia al pane: è un lavoro di squadra».

Però, è innanzitutto il pizzaiolo. Arrivano farina e pomodoro, il resto è tutto nelle sue mani. Dice che farina e pomodoro e quel che serve sono «ottimi, in Vicook, e questa è una cosa molto bella dell’azienda: la materia prima è di qualità, e questo ti permette di lavorare bene. Poi io ci metto l’amore nel lavoro, e così tutti sono contenti».

Nei ristoranti aziendali, si sa, la noia del cliente è sempre dietro l’angolo, ma – a quanto pare – dopo sette anni, nessuno si lamenta e tutti (ma proprio tutti) parlano benissimo di Eusebio e della sua pizza. Il pizza corner è un riferimento, anche quando arrivano clienti stranieri ospiti. Eusebio, del resto, sa il fatto suo: a volte il cliente entra nel ristorante e, dal fondo della fila, alza una mano per salutarlo; quando arriva al corner, la sua pizza, proprio come la vuole o come la prende di solito, è già in forno.

La giornata tipo di Eusebio? Arrivo in struttura alle 6:45, preparazione, caffè in squadra prima di iniziare il lavoro, e poi… via! Impasta, impallina l’impasto del giorno prima, prepara quel che serve al bar (tutti prodotti freschi), i piatti freddi per il ristorante (quindi, di giornata), e poi, da mezzogiorno alle due e mezza, è il momento del pizza corner. Ci sono pizze sempre in menu (come la margherita, ovviamente), e poi c’è la pizza del giorno, e tutte le attenzioni ad allergie e diete dei clienti. Nelle scorse settimane, per esempio, per Carnevale, Eusebio ha preparato una pizza variopinta, decorata con tre creme: zucca, peperoni gialli e pesto; un tripudio di gusti e colori!

Quando gli chiediamo cosa migliorerebbe di Vicook, risponde: «Nella struttura in cui lavoro io, tutto è pensato fin nei dettagli». Certo, ci sono piccoli incidenti di percorso, magari una bolla che manca, ma minimi disguidi a cui si pone rimedio.

Gli chiediamo perché ami così tanto il suo lavoro. Dice che preparare la pizza è la sua passione, «amo quello che faccio». Ma dice anche che Vicook è una buona azienda: «Sono presenti, ti preparano, ci sono sempre». E poi, la materia prima è buona, e consente di lavorare bene. Anche l’artigianalità, una delle linee guida aziendali, è importante: prodotti freschi, preparati sul momento, un lavoro di qualità. E la soddisfazione che ne consegue. L’etica lavorativa di Eusebio e la sua contentezza nel lavoro stanno tutte nella frase: «In sette anni, sono mancato solo un giorno».